Frittelle di mele

Questo piatto, anticamente diffuso in gran parte del Mediterraneo, si dice che fosse conosciuto ai tempi dell’Antica Roma, e probabilmente ancor prima di essa. Infatti gli antichi romani chiamavano questi dolci frictilia. In seguito il piatto ebbe nuovo sviluppo in terra spagnola per poi diffondersi ovunque. In Italia svariate regioni lo annoverano tra i propri piatti tipici o a marchio P.A.T. o Dop e ognuno dà a questa pietanza un diverso nominativo. Consumate abitualmente o durante le festività, le frittelle vengono mangiate in molti paesi del mondo.

Anche a Venezia le frittelle ebbero un successo clamoroso fino a che furono nominate il dolce nazionale della Repubblica Serenissima, in tutto il territorio veneto e friulano divennero presto amate da tutti; le frittelle non venivano fatte da chiunque, solo dai cosiddetti “fritoleri”. Il mestiere dei “fritoleri” era una vera e propria corporazione che si era divisa il territorio nella propria area di esclusività, vi si poteva entrare solo avendo un padre “fritolero” e questa strategia permise alla corporazione di sopravvivere fino alla fine del diciannovesimo secolo.

Ingredienti:

  • 2 mele verdi
  • succo di 1 limone
  • 30 gr zucchero
  • cannella in polvere q.b.

per la pastella

  • 150 gr farina 00
  • 2 uova
  • 200 ml latte intero
  • 1 pizzico di sale fino
  • 8 gr lievito in polvere per dolci

per friggere

  • olio di semi q.b.

Procedimento:

Per preparare le frittelle di mele, iniziate dalla pastella: in una ciotola sbattete le due uova intere, versate il latte, poi il pizzico di sale. Quindi setacciate all’interno la farina e il lievito in polvere per dolci. Mescolate tutti gli ingredienti accuratamente con una frusta a mano fino ad ottenere un composto omogeneo e privo di grumi. Una volta pronta, tenete da parte la pastella. Spremete il succo di un limone che vi servirà per non far annerire le fettine di mela. Poi sbucciate le mele aiutandovi con un pelaverdure per tagliare via meno polpa possibile. Quindi estraete il torsolo con l’apposito levatorsoli. Potete anche decidere di dividere le mele a metà per togliere più facilmente il torsolo se non avete lo strumento. Tagliate le mele a fette spesse circa 5 mm. Quindi riponetele man a mano in una ciotola bassa e ampia e per evitare che anneriscano man a mano che le affettate cospargete con il succo di limone. Passate a realizzare le frittelle di mele in questo modo: versate l’olio di semi in un tegame capiente e con un termometro da cucina verificate che arrivi alla temperatura di 170° circa senza superarla. A quel punto potete tuffare una fettina di mela nella pastella assicurandovi di ricoprirla interamente e friggere in olio a temperatura. Friggete pochi pezzi alla volta, massimo 2 fettine, in modo da non abbassare la temperatura dell’olio. Potete girare le frittelle di mele durante la cottura aiutandovi con una schiumarola per una doratura uniforme. Man a mano che saranno pronte, adagiatele su un vassoio foderato con carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso. In una ciotolina mescolate 30 g di zucchero con la cannella in polvere a piacere per aromatizzare. Mescolate e cospargete le frittelle di mele con questa mistura. Le frittelle sono pronte da gustare ancora calde o tiepide.

(crediti: ricetta di giallozafferano)

Share →